Itinerario geologico del Furlo

IL PERCORSO GEOLOGICO DEL FURLO

INTRODUZIONE

Il territorio del Furlo e la sua gola, formata dall’innalzamento della dorsale monte Pietralata – monte Paganuccio e dalla contemporanea azione erosiva del fiume Candigliano, rappresentano uno spaccato geologico su questo settore esterno dell’ Appennino Umbro – marchigiano noto come Dorsale marchigiana che qui ha la sua terminazione (o il suo inizio) .
In quest’area infatti affiorano, sono cioè osservabili sul terreno e cartografabili su una carta geologica, le numerose Unita’ Litostratigrafiche (corpi rocciosi separabili da quelli adiacenti in base alle caratteristiche litologiche ed alla posizione stratigrafica) che costituiscono la ben nota Successione Umbro-Marchigiana. Tale successione copre un arco temporale che va dal Giurassico inferiore al Miocene e cioè da circa 200, a circa 5 milioni di anni fa.
In questo lungo intervallo di tempo, difficilmente comprensibile alla nostra scala temporale, si sono succeduti diversi tipi di paleo ambienti, cioè ambienti del passato, nei quali si sono depositati i sedimenti che oggi rinveniamo come rocce. Questi ecosistemi del passato hanno visto, inoltre, la comparsa e l’estinzione di innumerevoli forme di vita che oggi è possibile rinvenire sotto forma di fossili.

DESCRIZIONE DEL PERCORSO

Le rocce osservabili lungo il percorso sono descritte da piccoli pannelli, per un totale di 8, dotati di QR code che permettono di accedere alle schede relative delle varie formazioni geologiche che stiamo osservando.
Il percorso che viene proposto inizia dal parcheggio dinanzi al Centro Visita della Riserva e sale sul versante sud di monte Pietralata lungo la strada asfaltata, per circa 3 Km (solo andata). Dal parcheggio, attraversata la strada, si prosegue in leggera salita costeggiando il Centro Visita. Al primo tornante si incontra la formazione della Maiolica e, dopo un centinaio di metri, quelle delle Marne a Fucoidi e della Scaglia Bianca che seguono in successione stratigrafica, cioè che stanno sopra la Maiolica e sono quindi piu’ giovani. Al tornante successivo incontriamo uno spettacolare affioramento di Scaglia Rossa con un livello calcarenitico formatosi a causa di una torbidite cioè di una frana sottomarina. Continuando lungo la strada si arriva al piazzale che conduce alla cava del Furlo. Qui è vietato l’accesso essendo di proprietà privata. Seguitando a salire il panorama sulla gola e sul fiume si amplia e un pannello permette di scoprire la storia geologica della gola e la sua evoluzione nel tempo mentre, piu’ su, ecco il pannello che illustra le formazioni che possiamo vedere all’interno della ex cava. Ancora un po’ di leggera salita e siamo in prossimità degli ultimi due pannelli di questo agevole ed interessante percorso geologico. All’altezza di un secco tornante sulla sinistra, ci appare una parete su Scaglia Rossa fittamente bucarellata. Questi fori sono serviti per estrarre le “carote” , di pochi cm, utilizzate per lo studio del Limite K/Pg che materializza, nel tempo e nello spazio, un importante evento geologico legato all’estinzione dei dinosauri. Molto importante risulta anche l’ultimo affioramento che ci apprestiamo a raggiungere imboccata la stradina all’altezza del tornante stesso (sbarra).
Si prosegue in piano per qualche centinaio di metri, fino a raggiungere un particolare livello nero giallastro dello spessore di circa un metro, noto come Livello Bonarelli (dal nome del geologo anconetano di nascita, ma eugubino di adozione, che lo descrisse per la prima volta).
Dopo di che, tornando a ritroso sulla strada, è possibile rientrare all’abitato del Furlo o proseguire verso il rifugio del Pietralata.

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound