Museo dei colori naturali “Delio Bischi”

Museo dei Colori Naturali “Delio Bischi”

A Lamoli di Borgo Pace (PU), all’interno dello splendido chiostro medievale dell’Abbazia di San Michele Arcangelo, sorge il Museo dei Colori Naturali intitolato allo storico “Delio Bischi”. Voluto e realizzato dall’Oasi San Benedetto, il Museo rappresenta un elemento distintivo di una politica del territorio come bene vivo, destinato a un pubblico interessato e desideroso di approfondire la propria conoscenza.
Il percorso proposto narra la storia dei colori naturali attraverso il loro utilizzo da parte dell’umanità, dall’antichità fino ai primi anni del ‘900, quando fecero la loro comparsa i colori sintetici sul mercato. In risposta alle attuali problematiche ambientali, l’umanità sta riscoprendo questi antichi e nobili colori. Il Museo affronta l’argomento attraverso documenti d’archivio e bibliografici, offrendo anche un percorso pratico con esperienze e laboratori. Questi consentono di approfondire la conoscenza della natura dei colori vegetali, della coltivazione delle piante tintorie, dell’estrazione del colore e dell’utilizzo dei pigmenti in diversi campi d’impiego. Il Museo dispone inoltre di un laboratorio per la realizzazione dei colori e per applicazioni su supporti vari.
Oggi, il Museo è diventato un centro di ricerca, divulgazione e sensibilizzazione sulle materie coloranti organiche. La sua missione è comunicare e sensibilizzare sull’uso dei “nuovi” coloranti vegetali in tutte le possibili applicazioni ed utilizzi. Riutilizzare questi colori in alternativa a quelli sintetici, largamente utilizzati in tutti i manufatti di consumo, assume un significato importante per la salvaguardia dell’ambiente e la salute umana. I colori sintetici consumano risorse non rinnovabili (come petrolio e derivati), richiedono più energia nella loro preparazione rispetto ai colori vegetali e, durante la produzione e lo smaltimento, generano emissioni inquinanti nell’aria e nell’acqua. Inoltre, presentano comprovata tossicità e rappresentano rischi per gli operatori, che possono essere esposti a sostanze chimiche altamente tossiche come l’anilina e l’ammoniaca. Esistono anche documentati rischi di allergie (dermatiti da contatto) che colpiscono il 10% della popolazione quando si indossano capi d’abbigliamento tinti con colori sintetici, oltre a azioni cancerogene in molti prodotti finiti. D’altro canto, i colori vegetali offrono un percorso sostenibile in termini di prodotti con un consumo a chilometro zero.
Il Museo de “I Colori Naturali” conduce il visitatore in un viaggio indimenticabile attraverso il colore, esplorando la storia, l’arte, le tradizioni, la natura e le innovazioni eco-compatibili. La mostra si sviluppa attraverso la luce dei colori naturali, presentando minerali, terre e vegetali che l’uomo ha utilizzato fino al secolo scorso per tingere, dipingere e colorare. La mostra è interattiva, offrendo un’esperienza pratica tra il fare e il vedere, utilizzando le risorse del territorio, dalle erbe tintorie ai pigmenti per preparare e conoscere i colori naturali, dalle tinture alle fibre tessili, dalla cardatura e filatura alla tessitura e alla stampa a mano su stoffa.
Uno dei principali colori rappresentati è il Guado, un’antica pianta tintoria utilizzata per tingere tessuti e filati di blu fino al XVII secolo in Europa. Questa pianta, strettamente legata a Sant’Angelo in Vado, rappresentava una risorsa economica fondamentale per l’intero territorio del Montefeltro, tanto da essere definita “l’oro blu”. Declinato a causa dell’arrivo dell’Indaco, meno costoso e coltivato in Oriente, il Guado è stato recentemente riscoperto e nuovamente utilizzato. A testimonianza di questa straordinaria attività, nel territorio sono presenti toponimi e più di 60 “macine da guado” specifiche, che, dopo la fine dell’attività, hanno trovato usi creativi come basi per croci davanti alle chiese sparse in tutto il Montefeltro.

Via dell’Abbazia, 7
61040 Lamoli di Borgo Pace (PU)

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound