Le Ammoniti del Sinemuriano

Ammoniti del Sinemuriano

Le ammoniti più antiche dell’Appennino Umbro-Marchigiano, sono state trovate nella valle del Fiume Bosso, e provengono dagli strati rocciosi che affiorano nei pressi della sorgente di San Nicolò (vedi foto). Hanno un’età di circa 200 milioni di anni e risalgono al Sinemuriano inferiore. Lungo l’alveo del fiume affiorano altri stati con ammoniti risalenti al Sinemuriano medio e superiore (Lotaringiano) tutte provenienti da una serie ininterrotta di strati di Corniola spessa più di 300 metri.

Ammoniti del Sinemuriano inferiore.

Negli strati della Corniola affioranti vicino all’Acqua di S. Nicolò sono state rinvenute numerose ammoniti e brachiopodi, alcune delle quali sono uguali a quelle studiate dal Bonarelli nel 1899. Gli strati indagati contengono faune ad ammoniti comprendenti i generi: Peltolytoceras Spath, 1924; Analytoceras Hyatt, 1900; Angulaticeras Quenstedt, 1883; Tragolytoceras Spath, 1924 (vedi foto); Coroniceras Hyatt, 1867; e i nuovi generi Cariniceras e Lytocostites Faraoni, Marini e Venturi, 2010.

Dopo le forme figurate dal Bonarelli, su degli esemplari provenienti dalla cava di Ponte Alto (Foci di Cagli), e dopo gli esemplari del Morena finiti al Dipartimento di Paleontologia del Museo di Storia Naturale di Londra, per la prima volta sono state trovate, “in strato” permettendo di stabilirne l’esatta provenienza biostratigrafica, e a cui viene attribuita un’ età Sinemuriana, probabilmente della zona ad Arietites semicostatum.

Ammoniti del Sinemuriano medio e superiore.

Dalle ricerche che sono in corso nelle sezioni del Fiume Bosso, sta emergendo che dai livelli fossiliferi dell’Acqua di S. Nicolò datati al Sinemuriano inferiore, ai livelli a Paltechioceras del Sinemuriano sommitale, intercorrono quasi trecento metri di Corniola suddivisa in centinaia di strati che vanno da pochi centimetri di spessore agli oltre quaranta. Indagare tutti questi strati, implica anni di ricerche, necessari ad individuare i rari livelli fossiliferi presenti. Di seguito illustriamo gli esemplari migliori trovati, che ci permettono di stabilire importanti dati biostratigrafici, riguardo al Sinemuriano dell’ Appennino. Gli studi precedenti, trattano nello specifico solo della parte sommitale del Sinemuriano, mentre sarebbe molto importante ricavare da questa sezione, il maggior numero possibile di dati biostratigrafici riferibili e tutto il Sinemuriano in modo tale da avere nella valle del Fiume Bosso una documentazione unica e quasi completa di tutto il Giurassico inferiore.

La prima sezione dove abbiamo trovato una ricca fauna si incontra a 150 metri circa dalla sorgente di S. Nicolò. Sono presenti molti esemplari di Arnioceras Hyatt 1867, differenziati in varie specie, e altre ammoniti riferibili ad Asteroceras Hyatt, 1867 che possono indicare la parte alta del Sinemuriano inferiore e la parte basale del Sinemuriano superiore.

La seconda sezione fossilifera, è datata alla parte inferiore del Sinemuriano superiore. Sono presenti numerosi generi caratteristici tra i quali: Parasteroceras Dommergues, Faure e Peybernes, 1986; Epophioceras Spath, 1924; Angulaticeras Quenstedt, 1883; e le prime forme di Paltechioceras Buckman, 1924.

Nella sezione del Bosso riferibile alla parte alta del Sinemuriano superiore si rinvengono numerosi livelli fossiliferi. Il genere Paltechioceras Buckman, 1924 caratterizza questi livelli con numerose specie, ed è un genere molto importante per le correlazioni tra Tetide Mediterranea e il Nord Europa. Sono presenti anche Paramicroderoceras Dommergues, Ferretti e Meister, 1994; Vicinodiceras Trueman, 1918; Gleviceras Buckman, 1918; Juraphyllites Muller, 1939; Lytoceras Suess, 1865; Radstockiceras Buckman, 1918.

By Paolo Faraoni giugno 2022. (tutti i diritti riservati)

Bibliografia:

Arkell W.J. (1957). Mesozoic Ammoinoidea. In Moore R.C. (ed.), Treatise on Invertebrates Paleontology, Part L, Mollusca, 4. University of Kansas Press, Kansas City, 490 pp.
Bilotta M., Venturi F. and Sassaroli S. (2009) – Ammonite faunas, OAE and Pliensbachian/Toarcian boundary (Early Jurassic) in the Appennines. Lethaia 10.1111/j.1502-3931.2009.00201 .x, 24 pp.,
Amsterdam.
Cecca F., Cresta S., Pallini G. & Santantonio M. (1990) – Il Giurassico di M. Nerone (Appennino marchigiano, Appennino centrale): biostratigrafi, litostratigrafia ed evoluzione paleogeografica. Atti Conv. Int. FOSSILI EVOLUZIONE AMBIENTE Pergola 87 (Pallini et al. cur.), pp. 63-139, 62 Fig., 6 Tav., Tecnostampa ed., Ostra Vetere- An.
CoccioniI R., Nesci O., Tramontana M. & Wezel F.C. e Moretti. (1987) – Descrizione di un livello-guida “radiolaritico-bituminoso-ittiolitico” alla base delle Marne a Fucoidi nell’Appennino Umbro-Marchigiano. Boll. Soc. Geol. It., 106: 183-192, 5 figg., Roma
Faraoni P. (2018) Don Mariano Mariotti 1813-1876 Prete naturalista, geologo e paleontologo Youcanprint Self-Publishing
Faraoni P., Marini A., Pallini G. & Venturi F. (2000-2002) – Protogrammoceratinae and new ammonite assemblages of the central Appennines and their significance of the Carixian – Domerian biostratigraphic boundary in the Mediterranean Paleoprovince. Geol. Rom., V. 36, pp. 215-249, Roma.
Faraoni P., Marini A., Pallini G. & Venturi F. (1994) – Nuove faune ad ammoniti delle zone ad “E. Mirabilis” ed “H. Serpentinus” nella Valle del F. Bosso (PU) e loro riflessi sulla biostratigrafia del limite Domeriano – Toarciano in Appennino. Stu. Geol. Camerti., Vol. Spec. “Biostratigrafia dell’Italia centrale”, pp. 247-297, Camerino.
Faraoni P., Marini A. e Pallini G. (1994) – Biostratigrafia ed ammoniti della Corniola carixiana della valle del f. Bosso (Appennino marchigiano). Palaeopelagos, 4, pp. 275 – 288, Roma.
Faraoni P., Marini A., Pallini G. & Venturi F. (1996) – New Carixian ammonite assemblages of Central Apennines (Italy), and their impact on Mediterranean Jurassic biostratigraphy. Palaeopelagos, 6, pp. 75 –122, Roma.
Ferretti A. 1967. Il limite Domeriano-Toarciano alla Colma di Domaro (Brescia), stratotipo del Domeriano.Rivista Italiana di Paleontologia, 73, 3: 741-756.
Venturi F. e Bilotta M. (2001) –Posizione tassonomica di Galaticeras (Ammonoidea) : un genere medio liassico della Tetide mediterranea. Boll. Soc. Pal. Ital., v. 40(3), pp. 325 – 354, Modena.
Venturi F., Nannarone C. & Bilotta M. (2005) – Early Pliensbachian ammonites from the Furlo Pass (Marche, Italy: two new faunas for the middle-western Tethys. Boll. Soc. Pal. Ital., v. 44(2), pp. 81 -115, Modena.
Venturi F., Silvestrini G., Rea G. e Bilotta M. (2010) – Ammoniti, un viaggio geologico nelle montagne appenniniche – Giurassico inferiore. Porzi edit., pp. 1 – 368, stampa PROPERZIO, S. Maria degli Angeli (Assisi).
Venturi F., Ferri R. (2001) – Ammoniti liassici dell’Appennino centrale. 268 pagg. Tip. Grafiche 2G.F. Città di Castello.
Venturi F. (in collaborazione con Nannarone C. e Bilotta M.) (2004) – Early pliensbachian ammonites from the Furlo Pass (Marche, Italy): two new faunas for the middle- western Tethys. Boll. Soc. Pal. Ital., Vol 44(2), pp. 80-115, Modena.
Venturi F. (in collaborazione con Nannarone C. e Bilotta M.) (2007) – Ammonites from the early pliensbachian of the Furlo Pass (Marche, Italy): biostratigraphic implications. Boll. Soc. Pal. Ital., Vol 46(1), pp. 1-31, Modena.
Venturi F. (1999). Ammonite fauna events and ecology from the late Sinemurian to the Early Bajocian. Paleopelagos, Spec. Publ. 3: 89-93.
Venturi F. P. Faraoni, A. Marini Gli strati a Peltolytoceras del sinemuriano inferiore dell’Appennino Centrale nella sezione di S.Nicolo’, valle del Fiume Bosso (PS)- Enrico Fossa Mancini e la storia naturale dell’Appennino – Liceo Classico Statale Emanuele II Jesi 2008 pagg.47-54.

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound