Francesco di Giorgio Martini

FRANCESCO DI GIORGIO MARTINI

Artista eclettico, pittore, scultore, miniaturista, conteso dalle corti rinascimentali di tutta Italia, Francesco di Giorgio Martini seppe adeguare il suo genio alle necessità ed alle caratteristiche del numerosissimi luoghi, città e signori che chiesero i suoi servizi. Il Vasari scrive di lui: “fu Francesco grandissimo ingegnere e massimamente di macchine da guerra…Disegnò anco alcuni libri tutti pieni di così fatti instrumenti” e ancora: “Nell’architettura ebbe moltissimo giudizio e mostrò di molto bene intender quella professione”.

Viene battezzato il 23 settembre 1439 a Siena come Franciescho Maurizio di Giorgio di Martino pollaiolo.
Il primo documento che lo riguarda come artista risale al 1460, quando viene nominato come pittore con Benvenuto di Giovanni e il Vecchietta, facendo presupporre che fosse allievo di quest’ultimo.

Nel 1464 la prima commessa per una scultura in legno raffigurante San Giovanni Battista, fa supporre che si dedicasse a opere sia pittoriche che scultoree, come il suo probabile maestro Vecchietta, dedito a entrambe le arti. Con quest’ultimo dovrebbe essersi recato a Firenze e Roma per aggiornarsi sulle novità culturali tra il 1463-1464
La sua formazione fu complessa, includendo pittura, scultura e architettura con lo studio della trattatistica architettonica, compreso Vitruvio. anni dopo nel suo trattato di architettura civile e militare scrive: “ …e Vitruvio narra delle misure e proporzioni de’ templi e colonne, senza la cui simetria dice nessuno artefice poter nissuna cosa con ragione bene operare”

Nel 1469 viene nominato soprintendente al sistema dei Bottini di Siena, un complesso sistema di gallerie sotterranee che portava acqua a Siena, indicando che già in questi anni Francesco di Giorgio svolgesse opere di ingegneria e architettura

E’ soprattutto al Martini ingegnere e architetto che rivolgiamo la nostra attenzione.
Si trasferì a Urbino, presso la corte di Federico da Montefeltro, tra il 1475 ed il 1476, dove visse a lungo e venne impegnato soprattutto come architetto civile e militare, sostituendo Luciano Laurana nel completamento del Palazzo Ducale, si occupò anche del duomo, della Chiesa, chiostro e convento di San Bernardino e del Monastero di Santa Chiara.
Federico lo impegnò in ben 136 cantieri e alcuni di questi erano mirabili rocche per l’appunto, rivoluzionarie dei sistemi di fortificazione e di difesa nella metà del secolo XV.

“Avendo il mio illustrissimo Signore Duca Federigo nella mia esigua intelligenza fede più forse che quello che meritava, Gli piacque in più luoghi del suo territorio facessi fondare rocche, le quali al presente non mi pare superfluo descrivere.” (F. Giorgio Martini – Trattato di architettura civile e militare pag.168)

Durante il periodo urbinate, la sua fama crebbe molto e divenne così, nella sua poliedricità, una delle figure più importanti della progettazione ingegneristica e architettonica rinascimentale, uno dei pochi a potersi dire, oltre che artista e tecnico, anche intellettuale umanistico, in grado di leggere Vitruvio.

Dopo la morte del duca Federico da Montefeltro (1482) gli impegni a Urbino diminuirono ma Francesco di Giorgio ricevette commesse anche da Giovanni Della Rovere e in città vicine come Cortona, e ancora in Ancona e Jesi e molto probabilmente lavora nel santuario della Santa Casa di Loreto.

https://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_di_Giorgio_Martini
Trattato di architettura civile e militare
https://www.itinerarinellarte.it/it/news/l-itinerario-delle-rocche-nella-provincia-di-pesaro-urbino-0192

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound