Abbazia di San Michele Arcangelo in Lamoli di Borgo Pace

ABBAZIA di SAN MICHELE ARCANGELO in LAMOLI di BORGO PACE (PU)

L’Abbazia Benedettina di Lamoli si trova a Borgo Pace, ultimo comune a ridosso della dorsale appenninica, la cui storia è inscindibilmente legata a quella della Massa Trabaria, una delle prime province autonome del nascente Stato della Chiesa, essa comprendeva un territorio vastissimo includendo zone delle Marche, Toscana ed Emilia Romagna. L’aggettivo Trabaria indicava l’ampia presenza di abetine e piante d’alto fusto che erano trasformate in travi e marchiate con la sigla “AUF” che significava “ad usum fabricae” da cui deriverebbe il moderno termine “ad uffa”. Erano inviate tramite il Tevere a Roma per la manutenzione delle Basiliche, tra cui i documenti attestano la stessa San Pietro, difatti altro aggettivo utilizzato per descrivere questo territorio era quello di Massa del Beato Pietro. Le origini dell’abbazia vanno fatte risalire all’opera di monaci Benedettini che pochi anni dopo la Morte del Santo si stanziarono in questi luoghi scelti perché incontaminati e senza padrone, dove potevano ampliamente dedicarsi alla “Regula Monacarum” la più conosciuta “Ora et Labora”. La chiesa, un magnifico esempio di stile Romanico a tre navate, e di origine molto antica ed è fatta risalire al VI-VII secolo come hanno dimostrato gli scavi nella cripta e con molta probabilità è stata edificata grazie all’aiuto dei Longobardi. Due indizi sembrano confermare la presenza di Longobardi a Lamoli: una laminetta di piombo, rinvenuta nel 1586 durante i lavori di demolizione dell’altare maggiore, recante un’iscrizione che fa ritenere l’abbazia consacrata inizialmente a San Cristoforo e solo in un secondo momento a San Michele Arcangelo, caro soprattutto ai Longobardi convertiti; il secondo indizio consiste in un sepolcro, rinvenuto durante i lavori di restauro dell’Abbazia nel 1950, e contenente uno scheletro lungo oltre due metri, ben conservato e senza corredo, con una corporatura sicuramente più vicina al modello longobardo che non a quello autoctono.
Importanti “segnali” recepiti dalle Istituzioni locali che hanno saputo preservare le testimonianze materiali di questo spicchio di passato.
Al suo interno numerose opere artistiche di rilievo come gli splendidi Stucchi Preromanici databili al IX secolo, di chiaro influsso Longobardo, che secondo gli studiosi dovevano essere parte di un Cenobio o un Ciborio, gli Affreschi, che sono stati riscoperti durante i restauri, di scuola Umbro-Marchigiana, tra cui la bellissima Madonna del Latte, databili al XIV- XV secolo, dimostrano che in origine le navate e l’abside erano interamente affrescate; lo splendido Crocifisso Ligneo detto Cristo Spirante, realizzato a tutto tondo di scuola toscana del XV secolo un chiaro esempio di arte Rinascimentale.
Di notevole interesse artistico, la lunetta di Raffaellino del Colle, Eterno Padre tra due angeli, del XVI secolo, splendido esempio artistico di questo ultimo talentuoso allievo di Raffaello, molto attivo in zona. Il Bellissimo San Michele Arcangelo, copia da Guido Reni databile al XVII secolo; Nella cripta è stato realizzato un piccolo museo, dove sono visibili vari paramenti sacri del XVI-XIX secolo, una interessante raccolta di libri Parrocchiali d’epoca, tra cui gli stati D’anime, libri abbaziali e libri della comunità. Tra le opere esposte vi è un interessante Cristo Morto, realizzato in legno dell’artista innovatore in chiave Barocca, il genovese Anton Maria Maragliano, del XVI secolo.

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound